Home

Home Page



Get the Flash Player to see this player.

time2online Extensions: Simple Video Flash Player Module

JP JQuery Tabs



dalla Regione....

ANAGRAFE DEI SERVIZI SOCIALI E CARTELLA SOCIALE INFORMATIZZATA

Al via nel Lazio l’Anagrafe dei servizi sociali e la Cartella sociale informatizzata: lo stabilisce una delibera proposta dall’Assessore alle Politiche sociali Rita Visini e approvata oggi dalla Giunta regionale. A partire dal 31 luglio prossimo il Sistema informativo dei servizi sociali del Lazio si doterà di due nuovi strumenti per la pianificazione e la gestione del sistema regionale integrato dei servizi sociali.

 

 

 

L'Anagrafe dei servizi sociali sarà finalizzata alla rilevazione delle strutture e dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari della Regione e permetterà una mappatura dettagliata e aggiornata dell'offerta. Destinatari saranno gli operatori, pubblici e privati, e i cittadini. La banca dati raccoglie una serie di informazioni (anagrafica delle strutture e dei servizi, tipologia dell'offerta, informazioni sulla capacità di accoglienza e sugli operatori) che permetteranno agli utenti di individuare il servizio più idoneo a rispondere ai propri bisogni. Saranno i Comuni a implementare i dati in tempo reale, e tutti gli enti territoriali, a partire dalla Regione fino alle Asl e ai distretti socio-sanitari, potranno utilizzare la mole di informazioni raccolte per la programmazione finanziaria, la pianificazione sociale e il monitoraggio dello stato dei servizi sul territorio.

La Cartella sociale informatizzata, invece, registrerà i dati relativi ai cittadini che accedono ai servizi sociali, dalla valutazione dei casi alla presa in carico, fino alla gestione dell'erogazione del servizio e al suo esito finale. La rete informativa sarà alimentata dai Punti unici di accesso (Pua) e, dove non ancora presenti, dalle strutture comunali, dalle Asl e dagli altri soggetti che effettuano la presa in carico dei cittadini. Il sistema delle Cartelle sociali consentirà di raccogliere i dati sulla domanda sociale e di agevolare lo scambio di informazioni tra area sociale, sanitaria, dell'istruzione e della formazione. Per ogni cittadino della Regione che accederà a uno qualunque dei servizi sociali sul territorio verrà mantenuta una memoria storica degli interventi effettuati che ne permetterà una migliore valutazione dell'efficacia da parte degli operatori e delle amministrazioni locali, che avranno uno strumento in più per monitorare la spesa sociale e i carichi di lavoro delle strutture.

Il Sistema informativo dei servizi sociali del Lazio, istituito con una delibera del 2005 e avviato nel 2007, è previsto dalla 328/2000, la legge-quadro nazionale sui servizi sociali. E' accessibile dal portare regionale www.socialelazio.it.

"Quello di oggi è un passo decisivo sulla strada della realizzazione di un welfare sostenibile ed efficiente nel Lazio", spiega l'Assessore Visini. "Finalmente i cittadini avranno a disposizione uno strumento per accedere in maniera realmente trasparente ai servizi, e le amministrazioni, Regione in testa, potranno conoscere nel dettaglio la situazione sul territorio. Una delle difficoltà maggiori che si incontrano nella programmazione sociale è quella di mappare in maniera precisa i bisogni delle persone per poter offrire risposte mirate e risolutive. Poter pianificare finanziamenti e interventi a partire da una banca dati così dettagliata ci consentirà di utilizzare al meglio sia le risorse finanziarie che quelle umane, e di offrire ai cittadini un servizio migliore. Inoltre, con la Cartella sociale, sarà più semplice realizzare la tanto invocata integrazione socio-sanitaria sulla quale, qui nel Lazio, siamo ancora drammaticamente indietro".

 

Footer

Copyright © 2010 Distretto Socio Sanitario RM G6. Tutti i diritti riservati.

 
Italian Catalan Croatian Czech Dutch English Filipino French Galician Georgian German Polish Romanian Russian Ukrainian

Newsletter

Nome:

Email:

Tot. visite contenuti : 265605