> Accesso webmail
Immigrazione

L'Area Immigrazione progetta interventi e servizi per l’accoglienza e l’integrazione della popolazione migrante.
I Servizi e gli interventi progettati in questa area vengono finanziati con specifici bandi ed avvisi pubblici. I più importanti canali di finanziamento sono i Piani Provinciali per l’Immigrazione e la L.R. n. 17/90, aggiornata con la L.R. 14 Luglio 2008, n. 10 (Disposizioni per la promozione e la tutela dell'esercizio dei diritti civili e sociali e la piena uguaglianza dei cittadini stranieri immigrati).

I progetti finanziati con i Piani Provinciali sono stati:

  • INCONTRIAMOCI A SCUOLA
La finalità progettuale di "Incontriamoci a Scuola", attivato per quattro annualità (2010-2011-2012-2013), è l’integrazione socio-culturale dei minori stranieri nell’infanzia e nell’adolescenza; tali interventi, attivati in ambito scolastico per alunni stranieri e non, prevede due modalità di interventi: “integrazione linguistica”,  con la finalità di motivare l’integrazione nel gruppo classe, e il  “laboratori delle culture” con la presenza della figura professionale del Mediatore Culturale, per favorire la reciproca conoscenza e promuovere il dialogo tra le culture. 
  • "Risorsa Donna: le badanti - competenze di genere valore aggiunto nel lavoro di cura"

Il progetto è stato realizzato attraverso l'attivazione del "Corso Badanti", con l’obiettivo di orientare e formare stranieri, in particolare non comunitari, per favorire l’inserimento e/o il reinserimento lavorativo.

 

Inoltre sono attivi i seguenti Servizi del Piano di Zona:

  • "SERVIZIO DI PRONTO INTERVENTO SOCIALE – SOS”

Il Progetto prevede l’attivazione di prestazioni di assistenza domiciliare per anziani, disabili e minori per situazioni di emergenza socio-assistenziale che dovessero verificarsi nel corso dell’anno e non affrontabili con i servizi già attivi del Piano dovuta a non disponibilità dei relativi servizi, ampliando così l’utenza di riferimento dei servizi di assistenza domiciliare per anziani, disabili e minori ed eventualmente la presenza nei Centri Diurni per disabili. Inoltre prevede l’attivazione di uno sportello donna per la prevenzione della violenza sulle donne e l’individuazione e presa in carico di casi verificatisi ed un contributo per le attività del Centro Diurno del Centro di Igiene Mentale della ASL RM G di Colleferro, in particolare per l’acquisto di materiali per le attività del Centro. Inoltre verranno finanziati corsi di formazione per defibrillatore.

  • Segretariato Sociale-PUA

Nel Distretto è attivo il Servizio Segretariato Sociale-PUA che rileva come utenza un gran numero di cittadini stranieri; è un servizio informativo e di orientamento sull’esistenza, sul tipo e sulle modalità di accesso ai servizi ed alle strutture sociali, sanitarie e del Terzo Settore nel nostro territorio.